SuperAbile







Viaggiare fa bene

La scheda presenta alcune buone notizie in tema di turismo accessibile: dagli stabilimenti balneari, alla formazione inclusiva per un’adeguata accoglienza dell’utenza con disabilità, all’informazione sulla mobilità accessibile.

11 maggio 2021

Diversi studi hanno dimostrato che viaggiare fa bene a grandi e piccoli: si consolidano i legami all’interno del gruppo di viaggio; si impara ad entrare in contatto con differenti culture e sperimentare profumi, gusti diversi dal luogo dove si abita; si diventa più “coraggiosi” poiché si vivono esperienze al di fuori del proprio abituale contesto, favorendo l’accrescimento dell’autostima personale.
Con l’avvicinarsi dell’estate, segnaliamo alcune buone notizie per i viaggiatori con disabilità.

La prima interessante iniziativa riguarda gli stabilimenti balneari accessibili in Italia. Village for all, rete specializzata in turismo accessibile, insieme a Legambiente, al progetto editoriale Turisti per Caso-Slow Tour e al portale Mondo Balneare, ha lanciato dai primi mese dell’anno. la campagna denominata “Un’estate al mare: cercasi spiagge accessibili a tutti”. Ai turisti ma anche ai gestori dei 7.000 chilometri di costa italiana, viene chiesto di segnalare gli stabilimenti balneari che sanno essere realmente accessibili alle persone con disabilità. Il primo appuntamento di presentazione delle informazioni ricevute è previsto a giugno, con la pubblicazione del numero di «Turisti per Caso- Slow Tour». Successivamente, i siti internet e i canali social di Legambiente, Village for all, Turisti per caso, Velisti per caso, Italia Slow Tour e Mondo Balneare, forniranno al pubblico e agli organi d’informazione notizie aggiornate sulle segnalazioni che arriveranno. L’iniziativa proseguirà fono al mese di agosto e, forse, a settembre si terrà un evento pubblico durante il quale valutare i risultati ottenuti.

La seconda buona notizia, si riferisce al progetto “Inclusive Hotel”, nato due anni fa dalla collaborazione tra il gruppo alberghiero Best Western Italia e l’Associazione L’abilità di Milano. Obiettivo: rendere accessibile e inclusivo il soggiorno negli hotel del gruppo ai bambini e adulti con disturbo dello spettro autistico ma anche ai loro familiari e caregiver. A distanza di due anni, nonostante le difficoltà del settore ricettivo a causa del periodo, le attività di sensibilizzazione e formazione nell’accoglienza della clientela richiamata continuano. Al momento, gli Inclusive Hotel operativi sono circa venti, dislocati a Roma, Milano, Genova, Torino, Verona e Treviso. All’interno della sezione “Inclusive Hotel” del sito internet https://labilita.org/ospitalita-accessibile/ è possibile scaricare la guida pensata per individuare la struttura ideale e per preparare il soggiorno vivendo al meglio spazi e servizi durante la permanenza in albergo.

La terza iniziativa di buona prassi riguarda il Gruppo Torinese Trasporti che ha creato, all’interno del proprio sito internet un pagine dedicate all’utenza con disabilità. Accedendo al link https://www.gtt.to.it/cms/accessibile si possono reperire informazioni utili per il trasporto urbano accessibile nella città di Torino, per il trasporto ferroviario, nonché per i servizi turistici GTT. La novità riguarda tuttavia trasporto extraurbano ed è rivolta alla persona non vedente. Quest’ultima può segnalare il proprio spostamento al numero verde 800019152 con un anticipo di ventiquattr’ore; con tale segnalazione, l’autista del mezzo porrà maggiore attenzione al suo passaggio alla fermata indicata dal passeggero cieco.

Buone notizie dunque per vivere l’estate con maggiore serenità e consapevolezza sui servizi turistici accessibili.


Immagine tratta da pixabay.com

di Francesca Tulli

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati