SuperAbile






In Tempo libero

Notizie


Si fa presto a dire Ubuntu

Prende vita Ubuntu Festival, in corso fino a domenica 19 giugno vicino a Reggio Emilia tra Guastalla, Luzzara, Gualtieri e Boretto: un ricchissimo programma di eventi, che spazieranno tra musica, letteratura, teatro, laboratori, concorsi e incontri

7 giugno 2022

Se vi dico “ubuntu” che cosa vi viene in mente? Qualcuno di voi sicuramente ricorderà il noto sistema operativo in voga qualche tempo fa... Eppure ubuntu è molto di più, è una parola bellissima, al centro della cultura dell’accoglienza africana. Ce lo ha ricordato tante volte Nelson Mandela, il grande presidente del Sudafrica, Premio Nobel per la Pace nel 1993. Ubuntu significa “io sono ciò che sono in virtù di ciò che tutti siamo”, ma ha tante accezioni e sfumature, tutte basate su un orizzonte di vita comunitaria, finalizzata al rispetto delle diversità e dei diritti di ciascuno. Ubuntu significa quindi vivere e promuovere con l’esempio una vita inclusiva e, di riflesso, di pace.
 
Ed è proprio a partire da qui, dal desiderio di alimentare i valori promossi da questo modo di concepire e vivere la socialità che prende vita Ubuntu Festival, da domenica 5 a domenica 19 giugno tra Guastalla, Luzzara, Gualtieri e Boretto (RE).
 
Un ricchissimo programma di eventi, che spazieranno tra musica, letteratura, teatro, laboratori, concorsi e incontri, è quello che attenderà grandi e piccini nella campagna reggiana, momenti diversi ma legati da un unico filo conduttore: intercultura e inclusione, in piena “filosofia ubuntu”.
L’ambiente, la diversità, la cultura, l’educazione, i diritti, la solidarietà e il razzismo saranno i temi su cui saremo chiamati a confrontarci, temi caldi e urgenti, che, come sottolinea l’associazione promotrice Un bambino per amico, ci riguardano oggi molto da vicino.
 
Tra gli ospiti in calendario ci sarò anch’io, sabato 18 giugno alle ore 16.00 con l’intervento “Le zanzare pungono come i pregiudizi”, insieme alla scrittrice Emanuela Pellegrini presso “Il bosco della Letizia” a S.Bernardino (RE).
 
Nel frattempo, dietro le quinte, ho dato anche il mio contributo da giurato al concorso letterario“UBUNTU I AM BECAUSE WE ARE, rivolto agli studenti dell'Istituto Superiore Bertrand Russell e dell'Istituto Professionale Mario Carrara del Comune di Guastalla, che ho incontrato all’inizio di quest’anno insieme ad altri autori. Una giuria orgogliosamente multiculturale, la nostra, presieduta dallo scrittore togolese Kossi Komla-Ebri. La premiazione si terrà sabato 11 giugno, alle ore 10, a Guastalla.
 
Oltre a Un bambino per amico, che ha fatto da capofila,saranno coinvolti Anffas, Anteas, Rubacuori, Acat, Grd, S.O.S mamma le associazioni Jaima Sahrawi e Afrodanzalo, gli scout di Guastalla, i centri giovani , le scuole e i comitati genitori del territorio, che così hanno avuto l’opportunità di partecipare in modo attivo al Festival.
 
Che dire, non posso che essere felice di assistere e partecipare a iniziative così.
Pace e inclusione, ormai lo sapete, vanno a braccetto.
 
Buon Ubuntu a tutti!
 
Scrivete a claudio@accaparlante.it e seguitemi sulle mie pagine Facebook e Instagram.

di Claudio Imprudente

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati