SuperAbile






In Tempo libero

Notizie


Libri, a Firenze nasce il Patto per òa lettura: 'è diritto fondamentale

Lo firmano in 70 tra biblioteche, librerie, case editrici. Obiettivo: promuovere la lettura come diritto fondamentale di tutti i cittadini e come strumento insostituibile di accesso alla conoscenza e di crescita personale e collettiva, per poter esercitare una cittadinanza piena e responsabile

24 settembre 2021

FIRENZE. - Promuovere la lettura come diritto fondamentale di tutti i cittadini e come strumento insostituibile di accesso alla conoscenza e di crescita personale e collettiva, per poter esercitare una cittadinanza piena e responsabile. Con questo scopo è nato il "Patto per la lettura di Firenze", una rete che oggi raccoglie oltre 70 soggetti ed enti cittadini che hanno siglato formalmente l'atto alla biblioteca delle Oblate. E tra i firmatari ci sono le principali istituzioni culturali locali, come la biblioteca Nazionale di Firenze, l'università, l'Istituto Storico della Resistenza in Toscana, la Fondazione del Maggio musicale, il Gabinetto Vieusseux, e numerose tra librerie, case editrici, festival letterari e associazioni e realtà culturali fiorentine.

Il patto si configura come un'alleanza tra tutti i soggetti della filiera del libro che operano a Firenze, si spiega. Così, tra le attività previste ci sono il sostegno alle biblioteche e alle rassegne letterarie, la diffusione del 'Bibliobus' e degli scambi di libri nei luoghi di socialità, l'aiuto per i più fragili ad accedere ai libri, la programmazione di attività per bambini anche nelle scuole.

"Questo patto- sottolinea l'assessore alla Cultura, Tommaso Sacchi- è un atto di straordinaria sinergia tra numerose realtà cittadine legate alla cultura e al libro che da sempre fanno un lavoro incessante e formidabile per valorizzare il significato educativo, culturale, pedagogico e profondamente democratico del libro e sarà un tassello fondamentale della candidatura di Firenze a capitale del libro 2023. Adesso inizieremo a lavorare nel vivo per raggiungere gli obiettivi del Patto".

Undici, quindi, gli obiettivi di questa intesa. Tra questi, la promozione della lettura nei quartieri (anche attraverso la costruzione e valorizzazione di presidi diffusi come le soste del 'Bibliobus', i punti di lettura nei centri commerciali, i bookcrossing); sostenere i cittadini in difficoltà con attività e servizi per facilitare l'accesso e la fruizione della lettura, anche digitale, nelle carceri, negli ospedali, nelle case di riposo e a domicilio; promuovere servizi speciali per persone con disabilità motorie e sensoriali, l'integrazione di persone con difficoltà di apprendimento e il coinvolgimento delle generazioni, con una specifica attenzione agli anziani; attivare politiche culturali di contrasto alla povertà educativa anche con progetti di inclusione sociale dei nuovi cittadini; leggere dalla prima infanzia, metodo che consente di sviluppare meglio e più precocemente la comprensione del linguaggio, la capacità di lettura, che stimola la fantasia e l'immaginazione.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati