SuperAbile






In Sportelli e Associazioni


Sindrome di Down, la famiglia è il principale supporto. Il 16,7% dei caregiver perde il lavoro

Indagine realizzata da Censis e Aipd. Pediatra e medico di base i due punti di riferimento principali. Per il 72,3% del campione fondamentale il ruolo delle associazioni. Piuttosto negativo il giudizio sull'offerta di servizi

10 novembre 2022

ROMA - 'Conoscere per agire' è questo il filo conduttore della ricerca 'Non uno di meno' realizzata da Censis e Aipd per fotografare, in mancanza di un'indagine sistematica a livello nazionale, la condizione delle persone con sindrome di Down in Italia. La ricerca, presentata nella sede del Cnel, a Roma, è stata condotta su un campione nazionale di 1.192 caregiver di persone con sindrome di Down con l'obiettivo di ottenere una migliore e aggiornata conoscenza dei bisogni, del rapporto con i servizi disponibili sui territori di residenza e del relativo grado di soddisfazione.

Innanzitutto l'impatto sul lavoro. Il 50,3% dei caregiver intervistati è costituito da lavoratori e di questi, il 22,4% dichiara di aver dovuto ridurre il lavoro, mentre il 16,7% ha lasciato il lavoro o lo ha perso e il 14,6% ha dovuto rinunciare alle possibilità di carriera. L'indagine precisa che si tratta, però, di un impatto fortemente differenziato per genere, dal momento che il 59% delle caregiver ha sperimentato almeno un cambiamento sul lavoro contro il 30,4% dei maschi.

Su quale forma di sostegno i genitori hanno potuto contare, soprattutto nei primi tempi l'aiuto più citato è quello legato al sostegno reciproco all'interno della coppia genitoriale (37,4% degli intervistati), ed è una percentuale simile (35,1%) che richiama l'affetto e l'aiuto della famiglia più allargata e degli amici. Il 27,2% cita la normalità della vita quotidiana con il bambino ed il 24,1% le informazioni fornite dai medici, certamente fondamentali per affrontare le incertezze del futuro di fronte alla nuova situazione.

In merito al rapporto con i medici, l'indagine ha messo in evidenza come pediatra e medico di base rappresentino i due punti di riferimento principali nella presa in carico delle persone con sindrome di Down, mentre non esercitano tale ruolo, se non parzialmente, il neuropsichiatra infantile e poi marginalmente lo psichiatra e il neurologo. E' ben il 63% delle famiglie a dichiarare di avere un punto di riferimento unico che segue/coordina gli interventi di salute della persona con sindrome di Down, quota che sale al 71,4% nel caso dei più piccoli e all'81% nel caso di coloro che hanno almeno 45 anni e si abbassa al 55,3% nella fascia di età 15-24, che è spesso quella di passaggio dalla presa in carico del pediatra a quella del medico di medicina generale.

La maggioranza del campione vive in un ambito familiare, soprattutto con i genitori (55,3%) o anche con genitori e fratelli (36,6%), a seconda dell'età: tra i più 'anziani', è significativa la percentuale di chi vive con i fratelli e/o la loro famiglia (26,2%). Solo l'1,2% vive in una struttura residenziale, ma la percentuale sale con il crescere dell'età, raggiungendo il 5% per gli over 44.

Per quel che riguarda il percorso riabilitativo, la quota di casi che attualmente effettua neuro e psicomotricità è elevata tra le famiglie con bambini più piccoli (84,4%) e scende già nella fascia di età successiva (7-14 anni) (29,0%), per diventare residuale già a partire dai 15 anni. Ancora maggiore nel caso dei bambini da 1 a 6 anni è la quota di chi fa logopedia (88,2%), mentre il 21,2% fa fisioterapia. Già a partire dai 15 anni, la quota di chi non fa interventi diventa ampiamente maggioritaria. Nelle fasce d'età intermedia, circa il 10% riceve un intervento di psicoterapia e/o terapia occupazionale, mentre, tra chi ha 45 anni e più, il 13,1% fa fisioterapia. Elevate le percentuali di famiglie che usufruiscono di questi servizi in ambito privato: circa la metà dei casi per quel che riguarda logopedia, fisioterapia, terapia occupazionale e oltre il 70% per la psicoterapia. Si tratta prevalentemente di famiglie del Nord Italia, dove l'offerta tende a essere più ampia e le famiglie con maggiori disponibilità economiche.

Per quanto riguarda gli interventi educativi extra-scolastici, il 42,9% delle persone con sindrome di Down coinvolte nell'indagine usufruisce di interventi rivolti allo sviluppo delle autonomie, quota che diventa maggioritaria nella fascia di età 15-24 anni. Solo il 5,7% usufruisce di interventi di recupero delle attività scolastiche, con percentuali più alte (16,7%) per la fascia di età 7-14 anni. La quota di chi non usufruisce di nessun intervento di questo tipo è maggioritaria nelle fasce d'età più elevate: 52,1% per la fascia 25-44 anni, addirittura il 74,9% dopo i 45 anni.

Ma quali difficoltà incontrano le famiglie nell'accesso ai percorsi riabilitativi e/o educativi? Il 61,1% segnala la difficoltà a orientarsi nell'offerta e la necessità di trovare autonomamente la struttura o il personale, mentre il 53,1% riferisce la necessità di rivolgersi a strutture private a pagamento. Poco meno della metà del campione lamenta di aver potuto cominciare la logopedia e/o l'intervento educativo presso i servizi pubblici non prima del compimento dei tre anni. A questi si associa il 22,8% che ha dovuto rinunciare o ridurre la terapia e/o gli interventi per ragioni di costo economico, o di difficoltà logistiche (ad es. il centro era troppo lontano). Infine il 20,3% ha dovuto rinunciare ad un centro gradito per la carenza di posti disponibili.

Per quanto riguarda la vita affettiva e sentimentale, il 24,4% delle persone Down ha una relazione affettiva, quota che sale al 38,0% nella fascia di età 25-44 anni. Drasticamente più bassa è invece la quota di chi ha una relazione sessuale: appena il 2,5%, che si alza al 4% circa tra coloro che hanno dai 25 ai 44 anni.

Ma come vedono, i caregiver, il futuro dei loro figli? La possibilità di una vita autonoma o semiautonoma è nella mente soprattutto dei genitori dei bambini 0-6 anni (55,1%) e 7-14 anni (44,6%), come pure, seppur in misura minore, dei ragazzi 15-24 anni. La fiducia diminuisce drasticamente tra i genitori degli adulti: il 32,8% dei 25-44 enni pensa a un futuro autonomo o semiautonomo per il proprio figlio (il 38% pensa a una permanenza in famiglia), ma la percentuale precipita a 4,3% tra i genitori degli over 44, per i quali prevale l'ipotesi della permanenza in famiglia (56,8%). Minoritaria la quota di chi pensa a un futuro in struttura (1,7%), con una quota più importante tra i genitori degli over 44 (14,9%).

Le difficoltà principali lamentate dalle famiglie riguardano l'integrazione nella scuola e nella società in generale (51,3%) e quelle ad orientarsi tra i servizi sociali e sanitari (48,1%). Anche tra i problemi nell'assistenza, il principale riguarda la difficoltà di capire a chi rivolgersi per ottenere i servizi (44,1%), ma anche la perdita di riferimenti e servizi nel momento in cui si esce dal servizio scolastico (38,1%).

Dal punto di vista dell'informazione alle famiglie, nell'indagine risulta fondamentale il ruolo delle associazioni, indicate dal 72,3% come i soggetti che più hanno fornito informazioni utili e supporto. Le associazioni sono, in questo senso, ritenute più efficaci degli amici (25,9%) e del medico (23,8%). Il giudizio complessivo sull'offerta di servizi sul proprio territorio è piuttosto negativo; la valutazione più positiva, che indica la presenza sul proprio territorio di molte opportunità, sia nel privato che nel pubblico o in convenzione, è leggermente più elevata solo con riferimento ai servizi sanitari e riabilitativi (31,1%), mentre per quel che riguarda le altre tipologie - servizi socio-assistenziali, per l'inserimento professionale, per il tempo libero - sono sempre un po’ più elevate le quote di chi afferma che ci sono poche opportunità, sempre e solo a pagamento intero (rispettivamente 26,6%, 30,0%, 37,7%).

Infine, alla domanda 'Qual è la cosa più importante che dovrebbe fare la società per le persone con sindrome di Down, ben il 53,3% indica 'Promuoverne l'autonomia e l'inserimento sociale e lavorativo’. In merito al costo sociale della sindrome di Down l'indagine stima che il costo medio annuo per paziente risulta pari a 27.677 euro. In particolare, i costi diretti rappresentano il 15% dei costi complessivi mentre, i costi indiretti, per definizione a carico della collettività, rappresentano l'85% del totale: si tratta di costi sostanzialmente legati agli oneri di assistenza che pesano sul caregiver, che sono stati monetizzati e risultano pari a 23.513 euro all'anno.

Nell'ambito dei costi diretti, la quota più consistente pari a 1.220 euro (29,3% del totale dei costi diretti) è rappresentata da quelli sostenuti per l'attività socio-educativa. I costi indiretti (23.513 euro) sono stimati a partire dalle ore di assistenza indicate dagli intervistati, monetizzate considerando il costo medio orario di un infermiere sulla base del Contratto di lavoro del Servizio sanitario nazionale.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati