SuperAbile






In Sportelli e Associazioni

Notizie


Dal blog alla biografia, ma ora parla Tommi

Con “Io e il drago” (DeA) Francesco Cannadoro, il papà di un bambino che non parla, non vede e non cammina, è al suo terzo libro. Ma in questo è proprio Tommi a raccontare le sue battaglie

9 agosto 2022

«Ciao, io mi chiamo Tommaso, ma tutti mi chiamano Tommi, con la “i” (non con la “y”, mi raccomando, che mio papà ci tiene tantissimo, anche se io mica l’ho capito cosa cambia). Ho sette anni e tra poco comincio la scuola, forse. Sì, lo so che di solito la scuola si comincia a sei anni, ma nella mia vita è difficile che qualcosa vada secondo le previsioni». L’autore di questo volume, scritto per i più giovani, è Francesco Cannadoro, il papà di Tommi, un bambino che non parla, non vede, non cammina e non fa un sacco di cose. Un bambino di cui è difficile indovinare il pensiero, ma a cui suo padre decide di prestare la parola in un libro in cui è proprio Tommi a raccontare la sua battaglia contro il drago, che lo insegue da quando è piccino. Cannadoro ha cominciato a raccontare le sue avventure insieme a Tommi nel blog “Diario di un padre fortunato” e ora è al suo terzo libro, dove è lo stesso Tommi a prendere la parola per raccontare la sua storia dal suo punto di vista: quello di un bambino che vive le stesse cose degli altri, ma con meno possibilità. «La disabilità è come andare in sala giochi con cinque euro e scoprire che i tuoi amici ne hanno dieci e faranno sicuramente più partite. Però, anche se avrai meno tentativi degli altri a disposizione non è detto che tu non possa riuscire a fare gli stessi punti». 
 
(Recensione tratta dal numero di giugno di SuperAbile INAIL, il mensile dell’Inail sui temi della disabilità) 
 

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati