SuperAbile






In Sportelli e Associazioni

Notizie


Disabilità e liste di attesa a Genova, Toti: non è questione di soldi

Le parole del presidente della Regione Liguria al termine di un incontro con una delegazione di genitori dei bambini disabili e di rappresentanti sindacali dell'Usb Sanità, che avevano protestato sotto la sede della Regione contro le infinite liste d'attesa per le prestazioni di riabilitazione

27 ottobre 2021

GENOVA - "Il problema è già stato preso in carico dalla Asl 3. E' indubbio che quello della disabilità psichiatrica sia un tema importante ed è altrettanto indubbio che due anni di pandemia abbiano interrotto il dipanarsi della riforma voluta dalla Regione nel 2019. Gli investimenti nel settore sono molto importanti e speriamo possano nell'immediato futuro dare un giovamento alle famiglie". Così il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, al termine di un incontro in conferenza capigruppo del consiglio regionale della Liguria con una delegazione dei genitori dei bambini disabili e di rappresentanti sindacali dell'Usb Sanità, che stamattina avevano protestato sotto la sede della Regione contro le infinite liste d'attesa per le prestazioni di riabilitazione.

"Resta un tema di base del servizio sanitario nazionale che è quello di una sbagliata programmazione che vede oggi poche disponibilità sul mercato di neuropsichiatri, come di altre figure- aggiunge il governatore- sono aperti concorsi e assunzioni in tutta la regione per tutte le figure professionali che contiamo che entro fine anno riempiano tutti gli organici. Poi, c'è il tema del privato accreditato che lamenta che i nostri concorsi 'rubano' professionisti al loro settore. E' un equilibrio delicato che stiamo ristrutturando da mesi". Toti assicura che "non c'è un problema di risorse economiche: tutte quelle che servono sono già a bilancio e se ne servissero di più, siamo pronti a mettercene. C'è un problema di sistema: i neuropsichiatri, per quanto uno li possa pagare, non si laureano e non si formano in un giorno".

Il governatore si augura "entro i prossimi mesi di invertire la tendenza e spero che nei prossimi trimestri si noti la differenza. Con gli organici a pieno, le capacità di lavoro delle nostre aziende aumenteranno. Nel corso dell'ultima settimana ho inaugurato un reparto di neuropsichiatria all'ospedale Villa Scassi, una residenza per disabili psichiatrici a Quarto e una Rsa dedicata alla stessa funzione. Ci stiamo muovendo con grande rapidità su tutta la filiera delle liste d'attesa, in termini di screening e prestazioni specialistiche che stiamo persino comprando sul mercato privato pur di abbatterle". Tuttavia, conclude, "ricordo che fino a fine anno siamo ancora in stato di emergenza pandemico e questo comporta evidentemente un utilizzo delle risorse e una modalità di intervento che non aiutano a ridurre i tempi".

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati