SuperAbile






In Sportelli e Associazioni

Notizie


L'Avis dell'Umbria lancia l'allarme: 'Scorte scese al di sotto delle soglie minime'

Sempre più evidente la diminuzione delle donazioni di sangue, registrata in tutto il territorio regionale. L'appello all'assessore regionale Coletto per definire un programma di azioni

19 agosto 2020

ROMA - "Nella nostra Regione si sta raccogliendo quanto si raccoglieva nel 2006. Il 16 agosto le scorte regionali sono scese, per la prima volta quest’anno, al di sotto delle soglie minime". A lanciare l'allarme la sezione regionale dell'Avis. "Gli umbri hanno sempre dimostrato la volontà di partecipare alla soluzione dei problemi dei servizi sanitari e sono stati sempre sensibili agli appelli ed alla propria formazione nell’esercizio di una cittadinanza attiva: hanno sempre dimostrato di voler 'donare' per rispondere ad un 'diritto' del malato ad una efficace assistenza. Un evidente diminuzione delle donazioni, in questi ultimi anni, si è rilevata in tutte le aree della regione, con particolare evidenza nella provincia di Terni, dell’Alta Valle Tiberina, dello Spoletino, di Assisi, della Media Valle del Tevere, del Perugino".

Ecco perché l’Avis sollecita i propri soci-donatori e "continua a svolgere attività promozionali, di formazione e di informazione, ma rileva una maggiore difficoltà nell’espletare tali funzioni". Secondo l'associazione è quindi fondamentale definire insieme all'assessore regionale Luca Coletto (recentemente incontrato e resosi disponibile ad avviare incontri tecnici di verifica degli aspetti logistici, organizzativi e tecnici delle strutture sanitarie a ciò dedicate) "un programma di azioni, anche promozionali, da avviare per invertire tale tendenza".

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati