SuperAbile






In Sportelli e Associazioni


Assunzioni obbligatorie rinviate, Anffas: “delusi, ci rivolgiamo a Matterella”

Così il presidente Speziale sull'emendamento al Milleproroghe che fa slittare di un anno lo scatto dell'obbligo di assunzioni obbligatorie per le aziende con 15-35 dipendenti, anche in assenza di incremento del personale

16 febbraio 2017

ROMA - “Siamo delusi ed amareggiati. Non solo un simile emendamento non doveva essere presentato, ma è assurdo che lo stesso sia stato approvato”: così Roberto Spaziale, presidente nazionale di Anffas, commenta la notizia del rinvio, tramite emendamento al Milleproroghe, delle nuove norme per le assunzioni obbligatorie, che di fatto slittano al 2018. “Con quale 'faccia di bronzo' tutti coloro che lo hanno votato potranno spiegate alle persone disabilità ed ai loro familiari che il primario diritto al lavoro deve ancora aspettare? Questo perché a prevalere, ancora una volta, sono quelli del mondo dell'economia”. Speziale conclude quindi: “ci rivolgiamo direttamente al presidente Mattarella, a cui chiediamo di esercitare il suo ruolo di garante della Costituzione e dei diritti fondamentali dei cittadini italiani con disabilità”. (cl)
 

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati