SuperAbile







Scheda Judo

11 marzo 2009

CARATTERISTICHE GENERALI


Il Judo è uno sport che richiede particolari doti fisiche e mentali, strategiche: coinvolge qualità come la forza fisica e la capacità di presa, ma anche l'equilibrio interiore e la sensibilità. E' riservato esclusivamente ad atleti non vedenti: B1-B2-B3, ma il titolo è unico, con categorie di peso differenti.
E' l'unica disciplina paralimpica che origina in Asia.
Attualmente, questo sport è largamente praticato in ben 45 paesi, sia da uomini che da donne.
Questa disciplina è governata dalla Federazione Internazionale Sport Ciechi (IBSA) e segue i regolamenti della Federazione Internazionale di Judo (IJF), modificati solo lievemente per gli atleti con disabilità visiva cui viene permesso il contatto con l'avversario prima dell'inizio dell'incontro.
Un'altra differenza, rispetto al Regolamento per atleti normodotati, è che i due atleti devono impugnare il judoji dell'avversario prima dell'inizio della gara.
L'incontro è combattuto sul Tatami che è una materassina che misura 10x10m con un area di pericolo di 1m ed un'area di sicurezza di 3-4m. Generalmente il tatami è di colore verde e l'area di pericolo rossa.
Ogni incontro ha una durata di 5 min. effettivi.
Gli uomini gareggiano in 7 categorie di peso (-60kg, -66kg, -73kg, -81kg, -90kg, -100kg and +100kg); le donne in 6 (-48kg, -52kg, -57kg, -63kg, -70kg and +70kg)
Ogni incontro è arbitrato da un arbitro principale e da due giudici di sedia.

 

CENNI STORICI


Da principio, esso era un'arte marziale, finalizzata all'allenamento e lo sviluppo delle capacità motorie e delle qualità correlate al movimento: l'autocontrollo, l'auto disciplina, l'autonomia. Gradualmente, però, divenne un'attività agonistica, competitiva.
Nel 1882, in particolare, in Giappone, Jigoro Kano modificò le antiche tecniche delle arti marziali, dette jujitsu, in Judo, stabilendo un sistema di regole dal significato educativo e sportivo.
La prima comparsa del Judo come disciplina paralimpica avvenne nel 1988, all'edizione di Seoul.

di daniela.quargnali

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati