SuperAbile







Scheda - Ice sledge hockey

6 marzo 2009

CARATTERISTICHE GENERALI


L'Ice Sledge Hockey è un gioco di squadra praticato sul ghiaccio dai ritmi molto veloci, altamente fisico.
Viene giocato da atleti maschi con una disabilità fisica di tipo locomotorio, nella parte inferiore del corpo.
E' la versione paralimpica dell'Hockey su ghiaccio, con tre sole eccezioni, rispetto allo sport dei normodotati: l'utilizzo di una slitta al posto dei pattini, di due bastoni per ogni giocatore e la durata delle 3 frazioni di gioco (15 minuti invece dei 20 tradizionali).
Scopo del gioco è che ciascuna squadra riesca a fare il maggior numero di goal nella porta avversaria.
I giocatori, dicevamo, seduti su uno slittino (sledge), con un casco a protezione del capo e con l'ausilio di due bastoni (di legno, plastica o di alluminio), sia per il movimento che per colpire la pedina (puck), devono spingere questa stessa fino a varcare la porta del campo opposto difesa dal portiere.

L'ice sledge hockey è governato dall'IPC attraverso l'International Paralympic Ice Hockey
Committee, ed è diventato, nel tempo, lo sport di maggiore attrazione per gli spettatori dei giochi paralimpici invernali.


CENNI STORICI


L'Ice Sledge Hockey, nella versione adattata per persone disabili, nasce come attività riabilitativa a Stoccolma, in Svezia, negli anni '60: furono degli sportivi che già praticavano Hockey su ghiaccio che, incappati nella disabilità fisica agli arti inferiori, vollero continuare a praticare il loro sport preferito e pensarono di sostituire i pattini con slittini, al di sotto dei quali potesse passare il puck, la pedina di gioco.
L'esperienza svedese presto attecchì anche in Norvegia e durante gli anni '70 queste due Nazioni giocarono una o due volte l'anno. Da lì la pratica di questo sport si diffuse in Gran Bretagna, Canada, Stati Uniti, Giappone.
Il debutto nel programma dei Giochi Paralimpici Invernali avviene all'edizione di Lillehammer del 1994.
Oggi, l'ice sledge hockey è praticato da atleti di circa 12 Nazioni.

di daniela.quargnali

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati