SuperAbile







Scheda - Goalball

6 marzo 2009

CARATTERISTICHE GENERALI


Il Goalball è un gioco a palla riservato esclusivamente ad atleti con deficit visivo, ipo o non vedenti. Scopo del gioco è cercare di fare goal, superando la linea di porta, nel campo avversario, lanciando la palla sonora che gli oppositori tenteranno di bloccare con il corpo.
Le competizioni di goalball sono eventi del tutto particolari, all'interno dei Giochi Paralimpici, a causa dell'atmosfera unica che si crea nelle frazioni di gioco: un silenzio assoluto per consentire ai giocatori di avvertire i sonagli interni alla palla di gioco e individuare la direzione del lancio.
Giocano a Goalball sia donne che uomini: utilizzano bende di garza oscuranti per evitare che chiunque, a diversi gradi di disabilità visiva, possa vedere.
Sono vietati occhiali o lenti a contatto.
Le squadre sono composte di 3 giocatori (un centrale e due ali). Ogni partita dura 20 minuti e consiste di due tempi da 10 minuti ciascuno, intervallati da una pausa di 5 minuti.
Il campo di gioco consiste in un rettangolo di 18 metri di lunghezza e 9 metri di larghezza, con la demarcazione di una linea di centro.
Le reti sono larghe quanto il campo. La palla pesa 1.25 kg ed ha otto fori corrispondenti ad altrettanti campanelli.
Il Goalball è governato dall'IBSA (Federazione Internazionale Sport Ciechi).

CENNI STORICI

Il gioco del Goalball fu inventato dall'austriaco Hanz Lorenzen ed il tedesco Sepp Riendle nel 1946, con lo scopo di riabilitare, fisicamente e socialmente, i veterani reduci dalla II Guerra Mondiale.
Durante il successivo trentennio si sviluppò in un gioco agonistico e si diffuse in decine di paesi e fra migliaia di praticanti in tutto il mondo. Nel 1976 venne selezionato come sport dimostrativo alle Paralimpiadi di quell'anno, tenutesi a Toronto. La prima edizione dei campionati mondiali si svolse nel 1978 in Austria e nel 1980 il goalball entrò ufficialmente nel programma delle paralimpiadi.
Ad oggi, si gioca a Goalball, a livello competitivo, in più di 112 paesi del mondo, dimostrando come questo sia, probabilmente, lo sport paralimpico maggiormente conosciuto.

di daniela.quargnali

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati