SuperAbile







Al via il Campus estivo paralimpico di Bari. Nel segno dello sport per tutti

Giornata di festa al CUS Bari, fra sorrisi e voglia di stare insieme facendo attività sportiva. L'iniziativa è promossa dal CIP con l’obiettivo di avviare allo sport tanti giovani e giovanissimi con disabilità del nostro Paese, in una fascia d’età compresa fra i 6 e i 25 anni.

14 giugno 2022

BARI - Ha preso il via a Bari, presso il Centro Sportivo Universitario il primo campus paralimpico estivo, iniziativa promossa dal CIP con l’obiettivo di avviare allo sport tanti giovani e giovanissimi con disabilità del nostro Paese, in una fascia d’età compresa fra i 6 e i 25 anni. In 24, questa mattina, si sono presentati all’appuntamento accompagnati dai genitori. Si tratta di bambine e bambini, ragazze e ragazzi con disabilità intellettivo-relazionale, residenti nella Regione Puglia. Per tutti loro è l’inizio di un’esperienza che potrebbe rappresentare il primo passo di un percorso all’interno del movimento paralimpico italiano. Ad accogliere i partecipanti, questa mattina, è stato il Presidente del CIP Puglia Giuseppe Pinto che con il taglio del nastro ha dato l’avvio alle attività in rappresentanza del movimento, fra applausi, sorrisi e voglia di stare insieme.

“Siamo contenti. In questo territorio tante persone con disabilità incontrano difficoltà a trovare strutture adeguate. Speriamo che questa iniziativa sia nel segno della continuità. Dobbiamo dare a tutti, e tutto l’anno, la possibilità di fare sport”, ha dichiarato Antonio Prezioso presidente Cus Bari. Auspicio condiviso da Elio Sannicandro, rappresentante della Regione Puglia, che ha ringraziato “Il Comitato Italiano Paralimpico e il CUS Bari per l’ospitalità in questa struttura ideale per svolgere questo tipo di attività”.
Nel corso della cerimonia è intervenuta anche Gabrielle Coppola, Delegata alle Politiche della Disabilità dell’Università di Bari che oltre a portare il saluto di tutta la comunità accademica ha ricordato l’impegno dell’Ateneo sui temi dell’inclusione, sia nella progettazione di spazi senza barriere architettoniche che nel sostegno a iniziative di carattere sociale. “Noi ci siamo – ha dichiarato - Sia per promuovere che per supportare questa iniziativa rivolta a una parte di popolazione ancora troppo nascosta nella nostra società”.

I bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze potranno beneficiare degli insegnamenti dei tecnici federali e provare discipline come il calcio, il basket, la pallavolo, l’atletica, l’handbike, la scherma, il tiro con l’arco e tante altre. Dal 26 giugno al 4 luglio il Campus di Bari sarà aperto alle ragazze e ai ragazzi con disabilità fisiche e sensoriali.

“Siamo felici di vedere un progetto trasformarsi in realtà e regalare a dei giovani e alle loro famiglie momenti di felicità e di condivisione. In questo modo vogliamo dare una risposta concreta alla crescente domanda di sport, abbattendo quegli ostacoli - fisici, economici e organizzativi - che ancora oggi impediscono a tante persone con disabilità del nostro Paese non solo di praticare attività sportiva, ma anche solo di provare una disciplina sportiva. È il nostro modo per diffondere un’idea di sport come pezzo del welfare pubblico del nostro Paese e strumento di benessere, inclusione e integrazione”, dichiara Luca Pancalli Presidente del CIP.

Positiva la risposta anche dei genitori, in questa prima giornata di attività: “Questo evento significa tanto per noi. E’ un’occasione di crescita. Noi cerchiamo ogni giorno di dare delle possibilità ai nostri figli. L’offerta dell’attività sportiva è necessaria e le occasioni di questo tipo, purtroppo, sono pochissime. Per questo quando abbiamo saputo di questa opportunità l’abbiamo colta al volo, come un’idea meravigliosa”. (a cura del Cip)

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati