SuperAbile







Mondiali di Lillehammer: grande Italia, con l’argento di Romele nello sci nordico

Il lombardo: “Sono contento di quello che sono riuscito a fare. Ora prepariamoci al meglio per la long distance”

14 gennaio 2022

ROMA - Sci nordico subito grande protagonista dei Campionati Mondiali di Lillehammer 2022: è di Giuseppe Romele, infatti, la prima medaglia conquistata dall’Italia nella massima rassegna iridata, una rassegna che vede coinvolte, oltre allo sci nordico, le discipline dello snowboard e dello sci alpino. La cronaca della prima giornata di gare ha visto lo sciatore lombardo conquistare la medaglia d’argento nella 10km di categoria sitting: 31:52.2 il tempo del lombardo, giunto sul traguardo con un ritardo di 31.7 dal vincitore della gara, il russo Ivan Golubkov (31:22.7). Terzo posto per un altro russo, Danila Britik (33:25.6). Nella categoria standing, 16esimo tempo per Cristian Toninelli (46:09.8), in una gara vinta dal russo Lekomtsev (36:05.7), davanti al polacco Skupien (41:14.9) e al russo Pronkov (41:17.1).
 
“E' stata una gara molto difficile per le condizioni della neve e lo slittino era molto difficile da guidare – commenta Romele - per il resto, non avevamo molto recupero a livello fisico però sono contento di quello che sono riuscito a fare. Ora prepariamoci al meglio per la long distance di martedì prossimo".
 
"Siamo molto contenti dell’argento di Beppe – assicura il responsabile tecnico Duilio Fritz - sognavamo qualcosa di più, ma va benissimo così: per noi è stata una cosa fantastica”.
 
Per quanto riguarda lo snowboard, due rider azzurri su quattro hanno centrato l’accesso ai quarti di finale del double banked slalom di domani. Jacopo Luchini si è qualificato per terzo, mentre Riccardo Cardani per quinto. Luchini ora affronterà lo statunitense Colby Fields, mentre Cardani se la vedrà con il britannico James Barnes-Miller. Si sono fermati alle eliminatorie, invece, Paolo Priolo (nono) e Mirko Moro (dodicesimo).
 
“Abbiamo raggiunto l’obiettivo minimo che era qualificarne due – sottolinea il responsabile tecnico dello snowboard Igor Confortin - alla fine della prima run avevamo Mirko Moro e Riccardo Cardani a pari merito al quinto posto come primi degli esclusi, mentre Jacopo è riuscito a entrare subito nonostante qualche errore, dietro a Maxime Montaggioni e Mike Minor. Era importante evitare il ramo di Maxime perché così lo incroceremo al massimo in finale. Molto bene Cardani che ha fatto una bellissima seconda run, in cui sono saltati parecchi alteti di spessori. Moro ha fatto un errore che l’ha fatto scivolare nelle retrovie, mentre Priolo è stato molto sfortunato perché è stato il primo degli esclusi. Siamo fiduciosi, vedremo come andrà”. (a cura del Cip)

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati