SuperAbile







Sport sordi: ai Mondiali di pallavolo di Chianciano – Chiusi

Argento per la Nazionale femminile, bronzo per quella maschile. Ilaria Galbusera: “Tre trofei in quattro anni: orgogliose di noi”

5 ottobre 2021

ROMA - La pallavolo azzurra ancora sul podio: gli ennesimi trionfi, in ordine di tempo, arrivano da Chianciano – Chiusi, dove nel fine settimana la Nazionale femminile ha conquistato la medaglia d'argento e quella maschile il bronzo ai WDVC 2021, i Mondiali per atleti sordi. Cominciamo dalle donne, che dopo un percorso straordinario che le ha portate a superare, tra le altre, la Russia ai quarti e l'Ucraina in semifinale, sono state sconfitte in finale dalla Turchia al termine di un match intenso. Dopo aver perso, anche se di misura, i primi due set (23-25 22-25), le azzurre si sono aggiudicate il terzo (25-18) e quindi il quarto (25-22), portando la sfida al tie-break. Nell’ultimo set, però, le turche sono partite meglio, portandosi sul 9-3. Un gap che l’Italia ha ricucito fino al 12-12. Alla fine, le nostre avversarie riescono ad allungare sino al 15-13 finale. Oro per la Turchia, argento, meritatissimo, per il team di coach Alessandra Campedelli.

“Siamo orgogliose di noi – assicura Ilaria Galbusera, capitano del team femminile - in quattro anni abbiamo vinto tre trofei, più quattro premi individuali, insomma, l’ennesima medaglia che si aggiunge alla mia collezione, a dimostrazione che l’Italia c’è ancora. A questi Mondiali mi sono aggiudicata due premi, miglior attacco e MVP, miglior giocatrice – aggiunge - se è un sogno non voglio essere svegliata”.

Ottimo anche il percorso della Nazionale maschile, che nella finale valida per il terzo e quarto posto si è imposta sulla Francia con il punteggio di 3-0. Poco più di un'ora: tanto è durata la sfida tra la Rappresentativa Azzurra e quella transalpina, un successo che riporta il nostro team su un podio mondiale a distanza di sedici anni dall'ultima volta.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati