SuperAbile







Calcio a 5 B1: il Bari si aggiudica la Supercoppa Italiana

Una rete di Mauro permette ai baresi di superare il Lecce. Massimo D'Attolico, bandiera del Bari: "E' stata una buona partita, ben giocata sia da parte nostra che da parte loro"

23 gennaio 2017

ROMA - E' una rete di Nicola Mauro, siglata a tre minuti dalla fine, a regalare alla ASD UIC Bari il successo nella Supercoppa Italiana di calcio a 5 B1. Opposti ai rivali della Ascus Lecce, i baresi hanno ottenuto la prima affermazione in questa competizione, un trofeo che si aggiunge alle due vittorie in Coppa Italia maturate nel 2012/2013 e nel 2015/2016.
 
Un match equilibrato, deciso solo nelle fasi finali, un derby sentito, in cui ha probabilmente pesato l'assenza del bomber salentino Cervelli, come confermano le parole di una delle bandiere del Bari, Massimo D'Attolico: "Con i giocatori del Lecce siamo amici fuori dal campo ma quando ci affrontiamo la rivalità è sempre molto accesa".
 
"E' stata una buona partita, ben giocata sia da parte nostra che da parte loro - ammette D'Attolico - se analizziamo l'incontro penso di poter dire che abbiamo avuto qualche occasione in più, anche se al Lecce mancava un giocatore come Massimo Cervelli, punto di riferimento fondamentale per questa squadra".
 
"Da un certo punto di vista, però, l'assenza di Cervelli ci ha complicato un po' le cose - osserva il giocatore di Bari - perché loro si sono chiusi maggiormente, complici anche parate importanti da parte del loro estremo difensore e un reparto difensivo sempre molto forte e attento".
 
Sul gol partita di Nicola Mauro, osserva: "Il pallone è passato in mezzo a una selva di gambe, era come se dovesse entrare per forza. Dopo la rete, arrivata a tre minuti dalla fine, ci siamo chiusi a difesa del risultato senza spingere come avevamo fatto sino a quel momento. Da quel punto in poi abbiamo deciso di avanzare solo con due giocatori, a tratti anche con uno solo, questo per evitare di farci trovare scoperti in contropiede".
 
"In bacheca abbiamo due Coppe Italia ma questa è la prima Supercoppa che vinciamo - aggiunge D'Attolico - ci manca il successo in Campionato ed è a questo che puntiamo. Ce la metteremo tutta per conquistare il Tricolore, continuando ad allenarci sodo. Poi, certo, ci vorrà anche un po' di fortuna".
 
A proposito dello Scudetto, il barese osserva: "Ritengo che il Lecce sia ancora la squadra favorita per il titolo. Con rispetto nei confronti di tutte le altre formazioni, il Lecce può contare su giocatori che, oltre a essere bravi, sono anche molto esperti e abituati a vincere. Ben dieci i Campionati vinti, il che la dice lunga sul loro valore". "A marzo, poi, rientrerà Cervelli tra le fila del Lecce - conclude D'Attolico - fino ad aprile ci sarà anche lui a rinforzare un gruppo già forte". (a cura del Cip)
 

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati