SuperAbile







Ice sledge hockey, Tori Seduti contro South Tyrol Eagles

La sfida del quinto turno di Campionato. Gli altoatesini sono ancora imbattuti. Andrea Chiarotti, attaccante dei Tori: “Ci manca spesso l’ultimo passaggio: riusciamo a creare diverse occasioni ma abbiamo bisogno di essere più lucidi e concreti sotto porta”

15 dicembre 2016

ROMA - Quinto e penultimo turno del Campionato Italiano di ice sledge hockey. Sabato 17 e domenica 18, il Palaghiaccio Tazzoli di Torino ospita il doppio confronto tra i Tori Seduti del Piemonte e le South Tyrol Eagles. La formazione sudtirolese, campione d’Italia in carica, arriva a questo appuntamento da capolista, forte di 12 punti maturati in quattro incontri in cui non ha subito sconfitte. Diciotto gol fatti, appena quattro quelli incassati. I Tori sono invece reduci dal quarto turno, che si è giocato a Varese nei giorni 3 e 4 dicembre e che ha visto il roster piemontese collezionare due vittorie su altrettante partite disputate contro l’Armata Brancaleone (2-0 7-4). Due successi che hanno permesso a Chiarotti e compagni di raggiungere quota 9 punti in classifica, con 12 gol all’attivo e 10 subiti. Discorso diverso in casa varesina, che con le due sconfitte del Palalbani perde la possibilità di vincere la Regular Season.
 
I torinesi proveranno a sfruttare il fattore campo per avere la meglio su una formazione altoatesina che, al momento, sembra avere tutte le cartelle in regola per riconfermarsi campione. La doppia vittoria consentirebbe al Piemonte di ottenere il primo posto in classifica. Sicuramente l’affermazione esterna in casa della Lombardia ha dato carica ai vice campioni d’Italia, anche se alcuni aspetti sono da migliorare, come ha sottolineato Chiarotti dopo i due match contro l’Armata, in quella occasione nella doppia veste di giocatore e allenatore per l’assenza del coach Mirko Bianchi. “Ci manca spesso l’ultimo passaggio – ammette l’attaccante dei Tori Seduti – riusciamo a creare diverse occasioni ma abbiamo bisogno di essere più lucidi e concreti sotto porta. A parte questo, devo ammettere che la prestazione contro l’Armata è stata buona – sottolinea Chiarotti – nella prima partita abbiamo tenuto in mano il gioco, attaccando con continuità senza riuscire a incidere, eccezion fatta per le due occasioni che hanno portato alle due reti. Santino Stillitano, estremo difensore dell’Armata, è stato bravo a evitare che il passivo fosse più ampio – ricorda il giocatore dei Tori e della Nazionale Italiana – poi un paio di errori hanno permesso ai lombardi di essere pericolosi ma a questo punto è stato bravo Gabriele Araudo a mantenere la nostra porta inviolata”.
 
Più movimentato il secondo incontro, caratterizzato anche dalla espulsione di Stillitano per proteste nei confronti dell’arbitro in occasione dell’azione che ha portato alla terza rete piemontese, secondo i lombardi da annullare. Ora il quinto turno mette di fronte Tori e Aquile del Sudtirolo. Sabato 17 dicembre, fischio di inizio alle ore 18, mentre domenica 18 le due compagini scenderanno in campo alle ore 10. (a cura del Cip)
 

di Ambra Notari

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati