SuperAbile






In Salute e ricerca

Notizie


Caldo. Protezione civile: "L'ondata non si ferma, ci sarà afa almeno fino a venerdì"

Il caldo di questi giorni continuerà ancora per alcuni giorni, concentrandosi soprattutto sul centro-sud. In numerose città "bollino rosso" con le situazioni più difficili a Roma e Messina, e stato di allerta anche a Campobasso, Frosinone e Bolzano

24 agosto 2010

ROMA - Il caldo torrido non accenna a diminuire, e anzi continua a stringere l'Italia nella sua morsa. La Protezione civile non lascia scampo: nell'ultimo aggiornamento del proprio bollettino sulle ondate di calore, rileva infatti per domani un livello 3 ("Bollino rosso") a Roma e Messina. Qui sono attesi, rispettivamente, 34 gradi di massima e 37 percepiti e 31 gradi reali e ben 39 percepiti. Livelli di guardia - ma "solo" da "Bollino arancione" - previsti anche a Campobasso, Frosinone e Bolzano (con, in media, dai 33 ai 36 gradi reali e dai 35 ai 37 percepiti).

Venerdì la situazione andrà addiritturea peggiorando, con caldo torrido e afa in estensione: previste infatti condizioni da livello 3 ("Bollino rosso") a Roma, Messina, Campobasso e Frosinone, e livello 2 ("Bollino arancione") a Bolzano. Nel mattinale di oggi la Protezione civile ricorda che l'Italia "si trova sotto l'influenza di un vasto campo anticiclonico, che investe tutto il Mediterraneo centro-occidentale assicurando condizioni di tempo stabile e soleggiato". Per cui "da oggi a venerdì è atteso "tempo generalmente sereno o poco nuvoloso nel resto della Penisola". Ma attenzione, perchè "sabato una perturbazione con centro d'azione sul mare del Nord inizierà a portare fenomeni di instabilita' sulle regioni settentrionali". Potrà dunque tornare maltempo al nord nel fine settimana, che non dovrebbe però influenzare le condizioni meteo del centro e del sud.

E contro il caldo di questi giorni, la Protezione civile sul proprio sito(www.protezionecivile.it) offre quattro consigli alla cittadinanza per difendersi. Eccoli, uno per uno, qui di seguito:

ESPOSIZIONE - Durante i giorni in cui è previsto un rischio elevato, livello 2 o 3 (bollino arancione o rosso), e per le successive 24 o 36 ore, si consiglia di non uscire nelle ore più calde, dalle 12 alle 18, soprattutto ad anziani, bambini molto piccoli, persone non autosufficienti o convalescenti.

IN CASA - Per proteggersi dal calore del sole utilizzare tende o persiane e mantenere il climatizzatore a 25-27 gradi. Se si usa un ventilatore non indirizzarlo direttamente sul proprio corpo.

ALIMENTAZIONE - E' importante bere e mangiare molta frutta ed evitare bevande alcoliche e caffeina. Si raccomanda di consumare pasti leggeri.

ABBIGLIAMENTO - Si consiglia di indossare abiti e cappelli leggeri e di colore chiaro all'aperto evitando le fibre sintetiche. Se si ha una persona in casa malata fare attenzione che non sia troppo coperta.

(25 agosto 2010)

di d.marsicano

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati