SuperAbile






In Salute e ricerca

Notizie


Piemonte, dalla Regione 36 milioni alle Asl per snellire le liste d'attesa

Le Asl potranno delegare i privati della sanità solo fino al 24% degli oltre 36 milioni complessivi per raggiungere gli obiettivi sul recupero delle liste d'attesa. Lo ha deciso la giunta su proposta dell'assessore alla Sanità Luigi Icardi

15 aprile 2022

TORINO- La Regione Piemonte approva il riparto alle Asl dei 36.800.000 euro stanziati per il recupero delle liste d'attesa, di cui solo un quarto potrà andare a strutture private accreditate. Altri 3 milioni di euro andranno alla Asl Città di Torino per il potenziamento del Cup (Centro unico di prenotazione) regionale. Lo ha deciso la giunta su proposta dell'assessore alla Sanità Luigi Icardi.

Le Asl potranno delegare i privati della sanità solo fino al 24% degli oltre 36 milioni complessivi per raggiungere gli obiettivi sul recupero delle liste d'attesa. Le strutture private accreditate dovranno rendere disponibili le loro agende destinate alla prenotazione delle prime visite e ad altre prestazioni di primo accesso entro il 31 maggio 2022. Sono poi previsti tre mesi, fino al 31 agosto 2022, per l'adeguamento dei sistemi informatici e della propria organizzazione.

Icardi ha ricordato gli obiettivi della giunta sull'accorciamento delle liste d'attesa, che prevedono che entro giugno sia recuperato il 30% delle liste d'attesa sulle prestazioni ambulatoriali di primo accesso, mentre entro settembre il sistema dovrà essere in grado di prendere in carico tutte le prescrizioni di primo accesso previste dal piano nazionale. Il piano che prevede, entro la fine del 2022, il recupero di tutte le visite, le prestazioni e gli interventi rispetto al 2019 e al periodo pre-Covid.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati