SuperAbile






In Salute e ricerca

Notizie


Riabilitazione in giovani pazienti con disabilità complesse, se ne parla al Serafico di Assisi

Il convegno nazionale punta a far luce sulle nuove forme di riabilitazione per i giovani pazienti con disabilità complesse. Un importante contributo viene dato dalla tecnologia robotica in grado di migliorare gli standard qualitativi di vita del paziente e della sua famiglia

15 dicembre 2017

ASSISI (PG) - Ha preso il via oggi ad Assisi il convegno dal titolo “La riabilitazione del bambino con disabilità neurologica complessa-clinica ricerca e nuove tecnologie per l’autonomia e la qualità di vita”, organizzato dall’Istituto Serafico di Assisi e che mette a confronto gli esperti di Simfer (Società Italiana di Medicina Fisica e Riabilitativa) e Sinpia (Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza). La prima parte dei lavori, che si concluderanno sabato 16 dicembre, ed è stata un’occasione per far luce sulle nuove strategie di ricerca, riabilitazione clinica e metodologie innovative di presa in carico.
 
L’obiettivo è quello di migliorare la qualità di vita di bambini  con malattie genetiche rare , malattie neuromuscolari, paralisi cerebrali infantili, malattie del neurosviluppo, la cui complessità, dal punto di vista clinico, ha caratteristiche  diverse da bambino a bambino, la cui presa in carico avviene dalla nascita e prosegue per tutta la vita. Durante i lavori verranno presentati alcuni degli ausili tecnologici che permettono di alzare il livello di vita di chi vive un’esperienza di disabilità. Tra gli strumenti robotici dedicati all’assistenza e alla riabilitazione delle persone disabili l’Istituto Serafico di Assisi ha inserito nei protocolli diagnostici riabilitativi dei suoi giovani ospiti la "Snoezelen", stanza plurisensoriale, Standing DJ pedana vibro-sonora My Tobii, un ausilio informatico a controllo oculare e  Neater Eater, un braccio meccanico che consente alle persone con disabilità di poter svolgere altri piccoli gesti quotidiani in maniera autonoma.
 
“Il convegno, promosso dal Serafico, rappresenta un’importante occasione per conoscere e condividere tutte le innovazioni, anche di tipo tecnologico, che possono essere integrate nei protocolli dei giovani pazienti e che ci permettono di ottenere interessanti risultati nel campo della riabilitazione. – ha dichiarato Francesca Di Maolo, Presidente dell’Istituto Serafico di Assisi. Si tratta di momenti importanti anche per ribadire la dignità e il valore di ogni persona, indipendentemente dai suoi limiti e dalle sue fragilità. Investire nella riabilitazione neurologica e umanizzare i processi di presa in carico dei pazienti non rappresentano scelte discrezionali o flessibili, ma risposte di giustizia e di rispetto per la persona”.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati