SuperAbile







Pyeongchang 2018, ecco i sei atleti piemontesi in partenza

Eusebiu Antochi, Gabriele Araudo, Valerio Corvino, Gregory Leperdi, Andrea Macrì e Paolo Priolo rappresenteranno la regione in Corea del Sud. Cinque piemontesi compongono lo zoccolo duro della squadra di para-ice hockey dei Tori Seduti. L'unico rappresentante nello sci è invece lo snowboarder esordiente Paolo Priolo

2 marzo 2018

TORINO – Agli imminenti Giochi Paralimpici Invernali in programma a Pyeongchang (Corea del Sud) dal 9 al 18 marzo, il Piemonte sarà rappresentato da 6 atleti (terza regione per numero di partecipanti dopo Trentino Alto Adige e Lombardia) su un totale di 26 convocati dal Comitato Italiano Paralimpico.
 
Cinque piemontesi compongono lo zoccolo duro della squadra di para-ice hockey dei Tori Seduti (società Sportdipiù Torino), composto dai veterani Gabriele Araudo, Valerio Corvino, Gregory Leperdi, Andrea Macrì e dal debuttante Eusebiu Antochi. A loro spetterà migliorare il 6° posto di Sochi 2014 e tenere vivo il sogno del podio per la nazionale italiana Vice-Campione d'Europa in carica. Fra gli atleti faranno parte della spedizione azzurra anche Gianluca Cavaliere (para-ice hockey), nato a Torino ma residente in Alto Adige e tesserato per il GS Disabili South Tyrol Eagles e Manuel Pozzerle (snowboard), veneto ma tesserato per Sportdipiù.
 
Considerando invece i tecnici, sono piemontesi il coach dei Tori Seduti Mirko Bianchi (in qualità di assistant coach di Massimo Da Rin nel para-ice hockey), l'intero staff della squadra di sci alpino, composto da Davide Gros, Elena Ricaldone ed Egon Griot, nonché l’allenatore e lo skiman dello sci nordico, Friz Duilio e Fabio Tosello.
 
Grande soddisfazione è stata espressa dalla presidente del Cip Piemonte Silvia Bruno: “Ancora una volta la nostra regione è presente in forze alle Paralimpiadi invernali con i suoi migliori atleti, continuando soprattutto la tradizione del para-ice hockey, in Italia nato proprio con i Giochi di Torino 2006. Il nostro in bocca al lupo va a tutti i piemontesi ma in modo particolare ai due esordienti: Eusebiu Antochi, che ha coronato il sogno di diventare cittadino italiano, e Paolo Priolo, che speriamo possa avvicinare tanti ragazzi disabili allo snowboard”.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati