SuperAbile






In Paralimpiadi

Notizie


Verso Pechino 2008. Atletica leggera: "Tutti gli azzurri possono puntare al podio"

L'opinione del responsabile tecnico dell'Italia, Mario Poletti, alla vigilia del via alle Paralimpiadi: "Parlare di medaglie non è facile ma tutti gli azzurri sono competitivi e possono aspirare a un podio". Punta di diamante è Francesca Porcellato, ma anche in campo maschile le speranze sono molte

26 agosto 2008

A cura del Cip

ROMA - "I ragazzi si stanno concentrando moltissimo su quest'impegno e tutti, dal primo all'ultimo, meritano di lasciare un segno in questa Paralimpiade". Le parole sono di Mario Poletti, Responsabile Tecnico della Squadra Italiana di atletica leggera, la disciplina che più medaglie ha conquistato quattro anni fa ad Atene. Fare previsioni non è mai facile, ma Poletti prova a fare il punto della situazione sullo stato di salute dei nostri atleti.

"Per quanto riguarda i tre nostri maratoneti, Andrea Cionna, Fabrizio Cocchi e Walter Endrizzi, gli allenamenti stanno andando molto bene. Certo, la maratona è una gara di 42 km, dove entrano in gioco vari fattori ed a Pechino quelli climatici saranno senza dubbio fondamentali. Spero solo che a settembre, quando i nostri gareggeranno, le temperature non siano così elevate". Poletti ha quindi parlato della Porcellato, una delle atlete di punta del movimento paralimpico italiano nonché portabandiera della squadra azzurra: "Francesca si sta allenamento duramente, in questo periodo, ed è in ottima condizione fisica".

"Tra gli amputati, Heros Marai, dopo una fase di allontanamento dall'attività, sta riprendendo la sua forma - prosegue il Responsabile Tecnico - certo, è ancora lontano dai suoi tempi ma i margini di miglioramento sono ampi e ritengo possa essere ancora molto competitivo". "Anche le prestazioni di Giuseppina Gargano sono in continua crescita. Lei si è avvicinata da poco all'atletica ma sta lavorando molto bene e più va avanti più si avvicina al top della condizione". "Per quanto riguarda Germano Bernardi, le sue condizioni fisiche sono buone e non ci sono contrattempi nella sua fase di preparazione".

Due atleti dai quali ci si aspetta naturalmente molto, infine, Roberto La Barbera e Stefano Lippi: "Ai recenti Campionati Italiani Assoluti di Cagliari sono purtroppo andati incontro ad alcuni inconvenienti tecnici causati dalla rottura delle protesi da loro utilizzate durante le gare ed è stato un vero peccato, perché in quell'occasione La Barbera e Lippi avrebbero potuto esprimersi a grandi livelli". "Parlare di medaglie non è facile - conclude Poletti - ma tutti gli atleti sono competitivi e possono aspirare a un podio".

(29 agosto 2008)

di e.proietti

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati