SuperAbile







Sardegna: quadruplicati i morti sul lavoro, la maggior parte in itinere

Rapporto regionale Inail. Quaranta deceduti nel 2009, a fronte dei 9 dell'anno precedente: 33 sul tragitto casa-lavoro. In calo gli infortuni che passano dai 17.966 del 2008 ai 16.682 del 2009

24 novembre 2010

CAGLIARI - Quadruplicati i morti sul lavoro in Sardegna, anche se la stragrande maggioranza rimane vittima negli spostamenti: 40 deceduti nel 2009 contro i 9 dell'anno prima. È quanto emerge dal rapporto annuale dell'Inail sugli incidenti nel lavoro. Dei 40 deceduti ben 33 sono morti nelle strade recandosi o tornando a casa dal posto di lavoro. In calo, invece, gli infortuni che passano dai 17.966 del 2008 ai 16.682 del 2009. Settore nero, quello dove si registrano il maggior numero di incidenti, è l'agricoltura con il 15%, mentre sono in crescita i casi di patologie professionali salite al 32,2%, passando da 1.214 del 2008 a 1.792 del 2009. "Dall'analisi dettagliata dei dati - ha spiegato Michele Pintus, dirigente regionale dell'Inail - emerge che solo sette casi riguardano l'ordinario ambiente del lavoro. Per il resto si tratta di incidenti avvenuti durante lo spostamento per raggiungere il posto di lavoro. Un problema generale che va affrontato chiamando in causa tutti coloro che possono intervenire per risolverlo, dalla politica alle grandi imprese".

La statistica parla chiaro, dunque, con un calo complessivo degli incidenti del 7,14% che fa ben sperare, anche perché rientra all'interno di una tendenza che, estesa ai cinque anni, sfiora il 12% (-11,8%). Ma sul calo degli incidenti aleggia anche l'ombra nera della disoccupazione: ci si fa male di meno anche perché è calata enormemente la percentuale di occupati nell'Isola. I settori che fanno registrare gli indici migliori di feriti o patologie tra i lavoratori sono l'industria manifatturiera (da 11,2% a 10%) e le costruzioni (da 12,9% a 11,9%). Salgono dal 41,9% a 42,9% nell'ambito dei servizi, mentre nelle malattie professionali si sono contante lo scorso anno 512 patologie vertebrali, 179 sindromi da tunnel carpale e 104 artrosi. In 21, infine, hanno chiesto il riconoscimento di patologie psichiche legate al lavoro. (fp)

(25 novembre 2010)

di d.marsicano

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati