SuperAbile







Tirocini finalizzati all'assunzione di persone disabili nella pubblica amministrazione

In data 16 novembre 2006 la Conferenza Unificata ha approvato una importante intesa che riguarda la possibilità, per gli enti pubblici, di attivare tirocini finalizzati all’assunzione di persone con disabilità

20 giugno 2022

In data 16 novembre 2006 la Conferenza Unificata ha approvato una importante intesa che riguarda, la possibilità, per gli enti pubblici, di attivare tirocini finalizzati all’assunzione di persone disabili a copertura di una parte delle quote d’obbligo previste dalla Legge 68/99.
In particolare l’art.2 dell’intesa stabilisce che, fermo restando le quote di riserva di cui all’art.3 della legge 68/99, le Pubbliche amministrazioni individuano entro il mese di febbraio di ciascun anno, una percentuale di posti, comunque non inferiore al 30% e non superiore all’80% di quelli non coperti e da coprire con i lavoratori  disabili, attraverso l’attivazione di tirocini finalizzati all’assunzione.
Pertanto, l’Intesa si propone di regolare la facoltà degli enti pubblici di attivare tirocini finalizzati all’assunzione nell’ambito delle convenzioni e, circoscrive, sia la percentuale di posti da coprire con chiamata nominativa, che la tipologia dei disabili da coinvolgere nel quadro normativo rappresentato dall’art. 39 del Decreto Legislativo 165/2001 del 2001, dove si prevede che le amministrazioni pubbliche promuovono o propongono programmi di assunzioni per portatori di handicap ai sensi dell'articolo 11 della legge n. 68/99 relativo alle convenzioni.
Presentiamo di seguito un’ampia sintesi del provvedimento.
 
Campo di applicazione
Ferme restando le quote di riserva di cui all'art. 3 della legge n. 68 del 1999, le amministrazioni pubbliche, individuano, entro il mese di febbraio di ciascun anno, una percentuale di posti, non inferiore al trenta per cento e non superiore all'ottanta per cento di quelli non coperti e da coprire con i lavoratori disabili, attraverso l'attivazione di tirocini. Il quaranta per cento delle suddette percentuali può essere destinato a persone disabili che presentano maggiori difficoltà di inserimento lavorativo e che, nell’ambito della convenzione di cui all’art. 11 della legge 68/99, possono essere assunte anche con chiamata nominativa. Per la copertura della quota restante di posti riservati ai lavoratori disabili, l'amministrazione utilizza, ai fini del totale adempimento degli obblighi di assunzione, gli ordinari istituti previsti dalla legge n. 68/1999.
 
Determinazione e pubblicità dei posti da coprire
Le amministrazioni pubbliche provvedono a dare adeguata pubblicità, anche a mezzo stampa, mediante pubblicazione di appositi avvisi delle proprie determinazioni in ordine alla qualità dei posti da coprire e alla tipologia delle funzioni da svolgere.
Gli avvisi devono necessariamente recare l'indicazione:
a) del numero dei posti, della tipologia del rapporto di lavoro, nonché delle funzioni da svolgere;
b) del titolo di studio e dei requisiti scolastici e professionali;
c) iscrizione negli elenchi di cui all'art. 8 della legge n. 68/1999, in data antecedente a quella dell'avviso, nell'ambito territoriale preventivamente individuato nella convenzione;
d) dei requisiti generali di ammissione ai pubblici impieghi;
e) delle modalità di svolgimento del tirocinio stabilite con la convenzione.
 
Ammissione al tirocinio e inquadramento in ruolo
Fatto salvo quanto previsto per i tirocini realizzati nell’ambito della convenzione come di seguito specificato, le graduatorie per l'ammissione al tirocinio, sono predisposte sulla base del punteggio risultante dalla graduatoria di iscrizione al collocamento obbligatorio. In ogni caso, qualunque sia la modalità di scelta operata, gli interessati sono ammessi al tirocinio, secondo la procedura prevista ai sensi dei commi 4 e 5 dell'art. 1 della legge n. 68 del 1999.
Al termine del periodo di tirocinio, debbono essere effettuati la verifica della permanenza dello stato invalidante e delle condizioni di disabilità di cui all'art. 8 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 13 gennaio 2000 e l'accertamento delle condizioni di compatibilità allo svolgimento delle funzioni al fine di disporre l'immissione in ruolo dei soggetti che hanno terminato il periodo di tirocinio.
I disabili, dichiarati idonei allo svolgimento delle mansioni relative, sono inquadrati, previa sottoscrizione del contratto individuale di lavoro, nei ruoli dell'amministrazione, nell’area e profilo professionale per il quale si è svolto il tirocinio.
 
Tirocini realizzati nell’ambito della convenzione (Art. 11 legge 68/99)
Le convenzioni, da stipularsi ai sensi dell'art. 11 della legge 12 marzo 1999, n. 68, e dell'art. 39 del decreto legislativo n. 165/2001, tra le singole amministrazioni o le sedi e gli uffici periferici delle stesse e i servizi per l'impiego competenti per territorio di cui all'art. 6 della legge n. 68 del 1999, devono indicare:
a) la durata della convenzione;
b) le linee fondamentali in base alle quali dovrà svolgersi il periodo di tirocinio finalizzato all'assunzione, che non può, comunque, essere superiore a ventiquattro mesi;
c) il numero dei posti da coprire;
d) i tempi e le modalità delle assunzioni, che la singola amministrazione si impegna ad effettuare con individuazione dei servizi territoriali incaricati di promuovere e guidare il tirocinio e di effettuare apposite verifiche periodiche, con cadenza almeno trimestrali, volte all'accertamento del regolare svolgimento dei tirocini e del programma di assunzione.
La convenzione può prevedere l'inserimento con chiamata nominativa, fino ad un massimo del quaranta per cento dei posti disponibili, quale ulteriore modalità di scelta, dei lavoratori disabili che presentano una riduzione della capacità lavorativa non inferiore al 67% o invalidità ascritta dalla prima alla quarta categoria del testo unico delle pensioni di guerra, approvato con decreto del Presidente della Repubblica n. 915/1978 e successive modificazioni ed integrazioni, o invalidi del lavoro, o lavoratori disabili con handicap intellettivo psichico, indipendentemente dalle percentuali di invalidità, da avviare al tirocinio finalizzato all'assunzione.
La chiamata nominativa è, comunque, assoggettata a criteri di trasparenza e a procedure aperte alla partecipazione di tutti i soggetti che versino nella suddetta situazione.
Le assunzioni obbligatorie previste nella convenzione di cui all'art. 11 della legge n. 68/1999 possono essere programmate secondo una scansione predefinita, nel corso dell'intero periodo di validità della convenzione medesima.
Durante il periodo di vigenza della convenzione, i servizi competenti di cui al comma 1, non procedono ad avviamenti d'ufficio ai sensi della legge n. 68/1999, per le unità lavorative dedotte in convenzione e per l'intera durata della convenzione.
Il servizio competente, qualora riscontri il mancato adempimento degli obblighi assunti con la convenzione, alla cadenza temporale indicata, con atto formale di diffida ne richiederà l'adempimento entro trenta giorni, decorsi i quali e, persistendo il comportamento inadempiente dell'amministrazione contraente, la convenzione si intende immediatamente risolta. Il servizio provinciale competente procede all'avviamento d'ufficio con riferimento alle funzioni da svolgere già individuate nella convenzione.
 
Norma transitoria
In via transitoria le amministrazioni pubbliche, nei limiti previsti dalla legge n. 68/1999 e dalle norme vigenti in materia di assunzione, possono procedere all'assunzione dei lavoratori disabili che, alla data di entrata in vigore della presente intesa, abbiano svolto presso le amministrazioni attività di tirocinio con esito positivo o, comunque, attività lavorativa per almeno due anni.
I lavoratori disabili assunti sono computati ai fini dell'assolvimento degli obblighi di cui all'art. 3 della legge n. 68/1999.
 
Normativa di riferimento
  • Legge 12 marzo 1999, n. 68 : "Norme per il diritto al lavoro dei disabili";
  • Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n. 165: "Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche";
  • Conferenza unificata - provvedimento 16 novembre 2006: “Intesa in materia di diritto al lavoro dei disabili in attuazione dell'articolo 11 della legge 12 marzo 1999, n. 68 e dell'articolo 39 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. Intesa, ai sensi dell'articolo 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131”.
© Copyright SuperAbile Articolo liberamente riproducibile citando fonte e autore
Immagine tratta da pixabay.com

di Alessandra Torregiani

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati