SuperAbile







Bologna, compie un anno il b&b gestito da giovani con sindrome di Down

L'appartamento “Via delle Idee”, nato dai percorsi di autonomia di “Casa delle Idee”, ha avuto grande successo sia su Airbnb che su Booking, raccogliendo recensioni da 5 stelle e accogliendo 59 ospiti dall’Italia e dall’estero. Giacomo Busi: “Altre associazioni ci hanno contattato per replicare l’idea”

7 dicembre 2021

BOLOGNA – “Appartamento delizioso dotato di ogni comfort, ci siamo trovati benissimo”. “Posizione perfetta, a poca distanza dal centro”. “Il progetto portato avanti dall’associazione è molto bello: torneremo sicuramente”. Sono alcune delle recensioni online ottenute da “Via delle Idee”, il bed and breakfast gestito da ragazzi con sindrome di Down nel centro di Bologna che ha aperto le porte un anno fa. Una bella sfida, nata dai percorsi di autonomia di “Casa delle Idee”, l’appartamento di Associazione d’Ideedove i giovani si cimentano nelle “settimane di autonomia”, vivendo senza genitori per sperimentare la propria indipendenza con l’aiuto degli educatori.

Ci hanno contattato alcune associazioni da altre regioni, con progetti simili che vorrebbero replicare l’idea – racconta Giacomo Busi, progettista e responsabile delle attività educative dell’associazione –. Appena sarà possibile ci incontreremo per conoscerci”.

A 12 mesi dall’inaugurazione, passando per zone rosse, arancioni, gialle e bianche, il bilancio è molto positivo: “Le stelline che ci danno più gioia non sono tanto quelle dei feedback (anche se ci fanno tanto piacere) quanto i percorsi, le competenze e le esperienze che i ragazzi sono riusciti a raccoglier lavorando sodo a questo progetto – spiega Rosanna De Sanctis, presidente dell’associazione e psicologa –. Imparare a gestire un appartamento, a pulire e preparare la casa per i nuovi ospiti, accoglierli al meglio e fare in modo che ogni soggiorno vada alla perfezione”.

“La competenza sociale è quella che i ragazzi hanno ampliato maggiormente – continua Giacomo Busi –. Incontrare persone nuove, senza conoscerle, dialogare e instaurare con loro una relazione in un breve lasso di tempo: una capacità molto utile per riuscire a vivere in una società inclusiva. E poi abbiamo cominciato un percorso per imparare alcune frasi in inglese, utili per il check-in e per il check-out”.

Ma guardiamo un po’ i numeri. Il b&b ha ottenuto i punteggi massimi: precisione 5 su 5, check-in 5, pulizia 5, posizione 5, qualità/prezzo 5. Da dicembre 2020 a oggi, gli ospiti sono stati 59, di cui 37 arrivati attraverso la piattaforma Airbnb e 22 tramite Booking. Molti erano italiani, mentre qualcuno è venuto anche da Spagna, Germania, Paesi Bassi e Ucraina. “Well located in Bologna, clean, and comfortable, I passed a very pleasant stay in the flat of the Associazione D’Idee, who are very kind persons!”, scrive Gauthier nella sua recensione. Mentre Emiliano dice: “Appartamento perfetto per gentilezza, pulizia e posizione nell'incantevole Bologna. Una nota di merito va a Giovanni, vero ambasciatore della città”.

È infatti Giovanni Brischetta, insieme a Agnese Sgarzi ed Elena Roda, a gestire il b&b in tutti i suoi aspetti: dal check- in alla cura degli ospiti, dalle pulizie al rifornimento della dispensa: tutti gli accessori messi a disposizione degli ospiti sono eco-friendly e i monodose anti-spreco garantiscono il massimo livello igienico. A ottobre il gruppo è stato invitato su Canale 5 al programma “Tú Sí Que Vales”, con Maria De Filippi, Gerry Scotti, Rudy Zerbi, Teo Mammucari e Sabrina Ferilli, per presentare il bed and breakfast. “Dopo la puntata abbiamo ricevuto molti complimenti – racconta Giacomo Busi –. Ci hanno scritto da tante parti d’Italia”.

I fondi raccolti dal b&b servono a sostenere l’associazione, per garantire il proseguimento delle attività e sviluppare nuovi progetti dedicati a soggetti con fragilità: per Natale è possibile acquistare un coupon per un soggiorno da regalare ad amici o parenti, per sostenere le attività dell’associazione.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati