SuperAbile







Esenzione tasse scolastiche alunni con disabilità

L'esonero dal pagamento delle tasse scolastiche, oltre che per gli alunni con disabilità certificata, può essere consentito per merito e per motivi economici.

25 maggio 2022

Per la scuola dell'obbligo, primaria, secondaria di primo grado e ai primi tre anni della secondaria di secondo grado (dai 6 ai 16 anni), permane la gratuità per tutti, pertanto non sono dovute tasse scolastiche da parte di alcun alunno.
Con il Decreto Legislativo del 13 aprile 2017 n. 63, si prevede l'esonero dalle tasse scolastiche anche per le studentesse e gli studenti del quarto e del quinto anno della scuola secondaria di secondo grado in base alle fasce ISEE determinate con decreto del Ministero dell'istruzione, previa intesa in Conferenza unificata. L'attuazione sarà graduale e si applicherà a decorrere dall'anno scolastico 2018/2019 per gli studenti iscritti alle classi quarte della scuola secondaria di secondo grado e a decorrere dall'anno scolastico 2019/2020 per gli studenti iscritti alle classi quinte della scuola secondaria di secondo grado.

L'articolo 30 della Legge 30 marzo 1971 n. 118 stabilisce che "Ai mutilati ed invalidi civili che appartengono a famiglie di disagiata condizione economica e che abbiano subìto una diminuzione superiore ai due terzi della capacità lavorativa ed ai figli dei beneficiari della pensione di inabilità, è concessa l'esenzione dalle tasse scolastiche e universitarie e da ogni altra imposta, analogamente agli esoneri previsti per gli orfani di guerra, ciechi civili, i mutilati ed invalidi di guerra, di lavoro, di servizio e i loro figli."

Il successivo Decreto Legislativo 16 aprile 1994 n. 297, all'art. 200 prevede il diritto all'esenzione dal pagamento delle tasse scolastiche e anche dell'imposta di bollo per gli alunni ciechi che appartengono a "famiglia di disagiata condizione economica" e tale norma deve intendersi estesa anche a tutti gli altri alunni con disabilità certificata ai sensi dell'art. 3 della Legge 104/92. In caso contrario, dovrebbe considerarsi viziata da illegittimità costituzionale per palese disparità di trattamento, in quanto creerebbe un'ingiustificata discriminazione tra gli alunni ciechi e tutti gli altri alunni con disabilità certificata.

L'esonero vale per tutti i tipi di tasse, tranne che per la tassa di diploma.

Per i contributi scolastici richiesti dalle scuole di ogni ordine e grado, c'è da precisare che i versamenti in questione sono assolutamente volontari e le famiglie vanno sempre informate in ordine alla possibilità di avvalersi della detrazione fiscale di cui all'art. 13 della legge n. 40/2007.
 

Riferimenti normativi

Piano scuola 2021/22
(Prosecuzione, nell'anno scolastico 2021-2022, delle attività scolastiche, educative e formative nelle istituzioni del Sistema nazionale di istruzione a seguito della cessazione dello stato di emergenza da Covid-19);

Decreto Ministeriale del 31 marzo 2022 n. 82 (Adozione del "Piano per la prosecuzione, nell’anno scolastico 2021-2022, delle attività scolastiche, educative e formative nelle istituzioni del Sistema nazionale di istruzione a seguito della cessazione dello stato di emergenza da Covid-19");

Nota del 30 novembre 2021 n. 29452 (punto 9.1. Iscrizioni alle scuole dell'infanzia e alle scuole di ogni ordine e grado per l'anno scolastico 2022/2023);

Atto di indirizzo del 16 settembre 2021 (Atto di indirizzo concernente l'individuazione delle priorità politiche che orienteranno l'azione del Ministero dell'istruzione per l'anno 2022 e per il triennio 2022-2024)

Decreto del 4 gennaio 2021 n. 2 (Atto di indirizzo concernente l'individuazione delle priorità politiche del Ministero dell'istruzione per l'anno 2021);

Nota del 12 novembre 2020 n. 20651 (Iscrizioni alle scuole dell'infanzia e alle scuole di ogni ordine e grado per l'anno scolastico 2021/2022);

Nota dell'8 giugno 2020 n. 793 (Alunni con disabilità – Reiscrizione alla medesima classe – Indicazioni);

Agenzia delle Entrate. Interpello del 20 febbraio 2020 n. 3 (Imposta di bollo tasse scolastiche);

Circolare del 13 novembre 2019 n. 22994 (Iscrizioni alle scuole dell'infanzia e alle scuole di ogni ordine e grado per l'anno scolastico 2020/21);

Decreto Legislativo del 13 aprile 2017 n. 63 art. 4 (Effettività del diritto allo studio attraverso la definizione delle prestazioni, in relazione ai servizi alla persona, con particolare riferimento alle condizioni di disagio e ai servizi strumentali, nonché potenziamento della carta dello studente, a norma dell'articolo 1, commi 180 e 181, lettera f), della legge 13 luglio 2015, n. 107);

Nota del 7 marzo 2013 n. 593 (Richiesta di contributi scolastici alle famiglie);

Nota del 20 marzo 2012 n. 312 (Indicazioni in merito all'utilizzo dei contributi scolastici delle famiglie);

Decreto Legislativo 16 aprile 1994 n. 297 art. 200 (Approvazione del testo unico delle disposizioni legislative vigenti in materia di istruzione, relative alle scuole di ogni ordine e grado);

Legge 30 marzo 1971 n. 118 art. 30 (Conversione in legge del D.L. 30 gennaio 1971, n. 5 e nuove norme in favore dei mutilati ed invalidi civili).

Immagine tratta da Pixabay.com/

di Antonello Giovarruscio

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati