SuperAbile







I principali dati relativi agli alunni con DSA aa.ss. 2019/20 - 2020/21

Pubblicato il 28 settembre 2022 sul sito del Ministero dell'istruzione, il documento "I principali dati relativi agli alunni con DSA per gli aa.ss. 2019/2020 – 2020/2021".

17 ottobre 2022

La pubblicazione del Ministero dell'istruzione – DGSIS – Ufficio di Statistica, fa riferimento ai dati aggiornati a marzo 2022 e riporta nello specifico i dati relativi agli alunni con disturbi specifici di apprendimento (DSA) nelle scuole statali e non statali, mostrando la distribuzione sul territorio italiano per i vari ordini scolastici.
Negli anni scolastici 2019/20 e 2020/21, si legge nel documento pubblicato, il numero di alunni e studenti con DSA frequentanti le scuole italiane di ogni ordine e grado si è attestato rispettivamente a 318.678 e a 326.548, pari al 5,3 e al 5,4 per cento del totale che comprende gli alunni frequentanti gli ultimi tre anni della scuola primaria e la scuola secondaria di primo e di secondo grado con certificazione di DSA ai sensi della Legge 170/2010.
Agli alunni "a rischio DSA" frequentanti la scuola dell'infanzia e i primi due anni della scuola primaria, vengono individuati probabili disturbi di apprendimento a seguito di test specifici effettuati presso strutture sanitarie, che tuttavia non possono essere considerati ancora come diagnosi DSA. Per l'anno scolastico 2019/20 si tratta complessivamente di 5.572 alunni, corrispondenti allo 0,23 per cento e per l'anno scolastico 2020/21 di 5.091, pari allo 0,22 per cento, del numero complessivo di alunni frequentanti rispettivamente la scuola dell'infanzia e i primi due anni della scuola primaria.
Per quanto riguarda le diverse tipologie di disturbo, l'incremento del numero di certificazioni registrato nell'arco degli ultimi 7 anni è notevole, con le certificazioni di dislessia salite da circa 94 mila a 198.128, le certificazioni di disgrafia da 30 mila a 99.769. Anche il numero di alunni con disortografia è aumentato notevolmente, passando da circa 37 mila a 117.849 e gli alunni con discalculia da 33 mila a 108.577.
 
La Legge dell'8 ottobre 2010 n. 170, riconosce la dislessia (disturbo nell'imparare a leggere), la disgrafia (disturbo nell'imparare a scrivere), la disortografia (disturbo nell'utilizzare il codice linguistico) e la discalculia (disturbo nel calcolo matematico), denominati "DSA", e prevede una nuova forma di tutela del diritto allo studio destinata specificamente agli alunni con i suddetti disturbi. L'intervento normativo volto a garantire l'esercizio del diritto allo studio si focalizza su una didattica individualizzata e personalizzata, su strumenti compensativi, su misure dispensative e su adeguate forme di verifica e valutazione.
Nel 2011 sono stati pubblicati il Decreto Ministeriale del 12 luglio 2011 n. 5669 (Decreto attuativo della Legge 8 ottobre 2010 n. 170) e le "Linee guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con DSA" che forniscono le indicazioni sulle azioni da attuare per la tutela e il supporto degli allievi con disturbi specifici di apprendimento.
Se un alunno presenta più disturbi, si parla di comorbilità che può esistere anche tra i disturbi specifici di apprendimento e altri disturbi di sviluppo, come di linguaggio, di coordinazione motoria e disturbi dell'attenzione, e tra i disturbi specifici di apprendimento e i disturbi emotivi e del comportamento. Per gli alunni che presentano DSA, non accompagnati dalla certificazione di disabilità, non è prevista la figura dell'insegnante di sostegno.
 
Per consultare il documento, cliccare su:
I principali dati relativi agli alunni con DSA per gli aa.ss. 2019/2020 – 2020/2021
 
Fonte: Ministero dell'Istruzione - Direzione generale per i sistemi informativi e la statistica - Ufficio di statistica

di Antonello Giovarruscio

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati