SuperAbile







Fondo per l'assistenza all'autonomia e alla comunicazione degli alunni con disabilità a favore dei Comuni 2022

Criteri di riparto della quota parte di 100 milioni di euro, in favore dei comuni, del Fondo per l'assistenza all'autonomia e alla comunicazione degli alunni con disabilità e piano di riparto per l'anno 2022.

5 ottobre 2022

Con il comunicato del 20 settembre 2022, il Ministero dell'interno rende nota la pubblicazione del decreto recante i criteri di riparto del fondo pari a 100 milioni di euro per l'assistenza all'autonomia e alla comunicazione degli alunni con disabilità e il piano di riparto a favore dei Comuni, nell'anno 2022 (art. 1 c. 179, 180 Legge n. 234/21 come modificato dall'art. 5 bis del dl 228/21, convertito, con modificazioni, dalla L. 25 febbraio 2022, n. 15).
Le risorse sono destinate ai Comuni ai sensi dell'art. 139 del Decreto Legislativo n. 112/1998, per il servizio di assistenza specialistica per l'autonomia e/o la comunicazione in favore degli alunni con disabilità che frequentano le scuole dell'infanzia, primarie e secondarie di primo grado.
L'esigenza di tale assistenza specialistica, di norma predisposta all'interno del GLO (Gruppo di Lavoro Operativo) della classe frequentata dall'alunno con disabilità, viene rappresentata dal Dirigente scolastico agli Enti pubblici competenti (comunali, provinciali regionali), a seconda del tipo e grado di scuola. Le modalità di applicazione possono variare in base a diverse disposizioni regionali. Di norma, gli Enti locali assicurano poi tale servizio contrattualizzando appositi operatori o convenzionandosi con organismi (cooperative, associazioni, ecc...) che possono assicurare agli studenti il supporto previsto.
 
Sulla base dei dati forniti dal Ministero dell'istruzione sul numero di alunni con disabilità che hanno frequentato nel corso dell'anno scolastico 2021/22, il contributo è stato determinato per ciascun Comune localizzato nel territorio. Nel caso in cui l'alunno assistito frequenti una scuola in un comune diverso da quello di residenza, l'utilizzo delle somme assegnate dovrà comunque tener conto dell'esigenza di assicurare o potenziare il servizio anche nei confronti dell'alunno frequentante non residente. A tal fine potranno essere definiti accordi, a livello locale, ove ciò sia ritenuto opportuno tra comune di residenza e comune dove l'alunno è iscritto a scuola.
 
Per consultare il documento, cliccare su:
Comunicato del 20 settembre 2022 (Finanziamento ai Comuni per l'integrazione scolastica degli alunni con disabilità nel 2022)
 
Altri riferimenti:
Gazzetta Ufficiale del 1 settembre 2022 n. 204 (Criteri di riparto della quota parte di 100 milioni di euro, in favore dei comuni, del Fondo per l'assistenza all'autonomia e alla comunicazione degli alunni con disabilità e piano di riparto per l'anno 2022)
 
Decreto 22 luglio 2022 (Criteri di riparto della quota parte di 100 milioni di euro, in favore dei comuni, del Fondo per l'assistenza all'autonomia e alla comunicazione degli alunni con disabilità, e piano di riparto per l'anno 2022)
 
Fonte: Ministero dell'interno

di Antonello Giovarruscio

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati