SuperAbile






In Istruzione

Notizie


Alunni disabili, Marche definiscono il profilo dell'assistente alla comunicazione

La Giunta approva il profilo professionale di assistente all’autonomia e alla comunicazione per la disabilità, aiuto per il singolo studente per accrescere e sviluppare le potenzialità cognitive. In alcuni casi può operare in ambito domiciliare

20 aprile 2018

ROMA - E’ stato il tracciato di Abano Terme a inaugurare la nona edizione del Giro d’Italia di handbike. Sabato 14 aprile, cento handbikers si sono dati appuntamento nella località veneta per la prima delle sette tappe di questa edizione 2018. Quarantacinque i chilometri del percorso che separa Abano Terme da Montegrotto Terme, coperto dagli atleti in un’ora circa. La gara ha fatto registrare il trionfo della campionessa azzurra Francesco Porcellato, che ha ottenuto la maglia rosa Teleflex di categoria WH3. “Con le gare di Abano Terme è iniziata ufficialmente la mia stagione agonistica 2018 – dichiara l’atleta veneta – provo emozioni a 1000 nell’esordire con i colori della mia nuova squadra Active Team La Leonessa. Una gara bellissima – sottolinea – un’esperienza da rifare assolutamente”.
 
Le altre maglie rosa di giornata portano la firma di Claudio Conforti (MH3), Cristian Giagnoni (MH4), Silke Pan (WH4), Riccardo Cavallini (MH1), Marco Leti (MH2), Fabrizio Bove (MH5), Alberto Glisoni (MHO), Natalia Baliaeva (wh1), Roberta Amadeo (WH2), Ana Maria Vitelaru (WH5). “Non mi capacito di come si possa andare 43 secondi più forte di tutti e ritrovarsi quarto assoluto – scherza Giagnoni, vincitore nella MH4 – torno a Prato stanco, motivato e felice”.
 
“Il Giro d’Italia è cominciato bene, con la vittoria nella prima tappa e subito la maglia rosa – assicura Fabrizio Bove, che si è aggiudicato la prova di categoria MH5 – ora il prossimo appuntamento con il Giro è il 17 giugno davanti ai miei tifosi. La settimana prossima, però, sarò Verolanuova, in provincia di Brescia, per una importante gara internazionale a fianco di Alex Zanardi e del campione mondiale, l’olandese Van de Vrjies”.
 
“Contenta e soddisfatta per aver portato a casa il primo posto”, le parole di Ana Maria Vitelaru, che ha vinto nella WH5, mentre Riccardo Cavallini, dopo il successo nella MH1, osserva: “Tappa di Abano: buona la prima”.
 
La classifica della maglia bianca, quella che premia il miglior giovane, vede in testa Chagas Da Conceivable Maicon, davanti a Federico Rossi e Samuel Marchese. Maglia nera, assegnata all’ultimo classificato, a Giannino Piazza. Per quanto riguarda la classifica di società, al primo posto si porta la GSC Giambenini con 174 punti, seguita da Anmil Sport Italia con 171 e Active Team La Leonessa con 121. Prossimo appuntamento con il Giro d’Italia di handbike è per domenica 17 giugno a Cassino, in provincia di Frosinone. (a cura del Cip)

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati