SuperAbile






In Interventi Inail

Notizie


A Sigillo la “Notte bianca dello sport paralimpico”

Sabato 26 agosto il Comune umbro ha ospitato l’ottava edizione della manifestazione, finalizzata a diffondere tra le persone disabili la pratica sportiva come occasione di ripresa psicofisica e strumento di inclusione e reinserimento sociale

29 agosto 2017

SIGILLO (PG) - Sport sotto le stelle. Promuovere la pratica sportiva come strumento di integrazione e occasione di ripresa fisica ed emotiva per le persone disabili è stato l’obiettivo della “Notte bianca dello sport paralimpico” che si è svolta, sabato 26 agosto, con grande successo e partecipazione di pubblico, nel Comune di Sigillo, in provincia di Perugia.
 
Un’iniziativa nel segno della piena integrazione. Giunta all’ottava edizione, la manifestazione è nata nel 2010 dalla volontà del Comune di Sigillo e del Comitato italiano paralimpico (Cip) dell’Umbria di creare un evento dedicato alle numerose discipline sportive in cui si cimentano gli atleti paralimpici, nel segno della piena integrazione tra le persone. La Notte bianca costituisce il cuore del protocollo d’intesa 2016 stipulato fra la Regione Umbria, la Direzione regionale Inail e l’Anci (Associazione nazionale comuni italiani), al fine di promuovere l’inclusione sociale e la formazione di una cultura rispettosa e attenta alla disabilità.
 
Grande successo per la gara di handbike e la Marcia in rosa. La serata, che si è aperta con la quinta edizione del trofeo “Antonio Palanga”, gara di handbike vinta da Stefano Girelli dell’Unione ciclistica Petrignano, e con la “Marcia in rosa” contro il cancro al seno, ha visto la partecipazione come testimonial d’eccezione di Oscar De Pellegrin, arciere azzurro assistito Inail dal 1984, medaglia d’oro alle Paralimpiadi di Londra 2012, e del ciclista umbro Luca Panichi. Durante la Notte bianca si sono svolte molteplici attività sportive, dalla pallavolo al tiro con l’arco, dall’arrampicata al calcio tennis. Non sono mancate esibizioni di palla a mano in carrozzina, agility dog, pet therapy, danza in carrozzina con “Arte danza umbra”.
 
Il sistema di tutela integrata dell’Inail. Il reinserimento sociale e lavorativo del disabile rientra insieme alla cura, alla prevenzione e alla riabilitazione nel sistema di tutela integrata predisposto dall’Inail a favore dei lavoratori. L’Istituto ha realizzato un modello di servizi attraverso cui la persona con disabilità diventa destinataria non soltanto di prestazioni economiche che indennizzano il danno biologico, ma anche di una più articolata serie di interventi personalizzati che puntano a favorire il massimo recupero delle funzioni lese e la piena integrazione in ambito familiare, sociale e lavorativo. (Inail.it)

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati