SuperAbile






In Accessibilità

Notizie


“Lasciateci il volo per Bologna”: l’appello di tre fratelli con distrofia muscolare

Gran numero di visualizzazioni per il video di un giovane di Reggio Calabria e dei suoi fratelli che chiedono all’Alitalia di non cancellare il volo per Bologna, usato da loro e da altri pazienti con distrofia muscolare. Anche il sindaco della città dello Stretto lancia l’appello alla compagnia aerea: “Valutate i risvolti sociali”

5 gennaio 2017

REGGIO CALABRIA – Non togliete il volo fra Reggio Calabria e Bologna, è fondamentale per garantire il nostro trasferimento nell’ospedale dove facciamo controlli annuali per la distrofia muscolare. E’ il messaggio lanciato in un video su Facebook da tre fratelli di Reggio Calabria che si rivolgono all’Alitalia chiedendo che non venga abbandonato l’aeroporto dello Stretto. Un appello ripreso anche dal sindaco della città dello Stretto, Giuseppe Falcomatà, che ha chiesto alla compagnia aerea di considerare i risvolti sociali dei collegamenti in partenza e arrivo nello scalo della città.
 
“Ciao sono Daniele Chiovaro di Reggio Calabria, parlo a nome mio e dei miei fratelli Simone ed Emanuele, entrambi affetti da distrofia muscolare e parlo a nome di tutti i disabili della città di Reggio Calabria e dell’associazione Per mano onlus per la distrofia muscolare di cui faccio parte. Purtroppo abbiamo saputo che l’Alitalia abbandonerà l’aeroporto dello Stretto, questo significa l’impossibilità del raggiungimento dell’ospedale di Bologna, dove facciamo controlli annuali. Anche perché tutte le volte in cui dovevamo partire per Bologna l’assistenza è stata impeccabile. Tutto il personale ci ha consentito di fare viaggi comodi e quindi vi ringrazio. Auguri di buona Epifania, sperando che come regalo non cancellino il volo dell’Alitalia”.
 
Il video pubblicato su Facebook ha avuto successo e anche il sindaco della città di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà: “Ho ascoltato con attenzione – ha detto - l’appello del nostro giovane concittadino Daniele Chiovaro, e dei suoi fratelli Simone ed Emanuele, tre ragazzi affetti da distrofia muscolare, che rivolgendosi alla ex compagnia di bandiera italiana hanno chiesto attraverso un video messaggio pubblicato in rete che i voli per Reggio Calabria non vengano cancellati. La loro voce non può rimanere inascoltata. I vertici di Alitalia ed il Governo tengano in considerazione gli importanti aspetti sociali collegati al sistema dei trasporti sul territorio reggino. L’aeroporto dello Stretto è infatti un’infrastruttura vitale per tanti malati che quotidianamente, per cure e terapie, si recano nelle strutture sanitarie più all’avanguardia, in Italia ed all’estero. Cancellare i voli da e per Reggio Calabria sarebbe una violazione dei loro diritti di persone e di cittadini“. “Lo scalo di Reggio Calabria non è una tratta come le altre. Alitalia rivaluti la paventata ipotesi di abbandonare l’Aeroporto dello Stretto, sarebbe un colpo mortale per il Tito Minniti e per lo sviluppo dell’intero comprensorio metropolitano. I collegamenti aerei da e verso la nostra Città rappresentano un tassello fondamentale per la garanzia della continuità territoriale, diritto sancito costituzionalmente che non può essere affrontato esclusivamente sotto il profilo economico. Ci sono questioni sociali che vanno tenute in considerazione, a partire dagli aspetti sanitari e dal diritto alla mobilità delle persone disabili“.

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati